Tragedie greche di Siracusa

Con l'arrivo di maggio, arriva puntuale l'appuntamento con il ciclo di tragedie greche di Siracusa. Il 53° ciclo, allestito dalla Fondazione Inda, prende il via il 6 maggio e si conclude il 9 luglio con la stagione più lunga di sempre, che ha al centro la polis, quindi la città di Siracusa che ha da sempre un rapporto imprescindibile con il Teatro antico. Il Teatro e la città, infatti, è il titolo ma anche il fil rouge di questa nuova stagione, che porta nella suggestiva location siracusana due tragedie, I sette contro Tebe di Eschilo e Le Fenicie di Euripide, e una commedia, Le rane di Aristofane.

I sette contro Tebe di Eschilo

La tragedia, scritta nel 467 a. C., torna a Siracusa dopo gli allestmenti del 1924, del 1966 e del 2005, diretta da Marco Baliani e con protagonisti Marco Foschi (Eteocle) ed Anna Della Rosa (Antigone). I personaggi si muovono in una Tebe assediata, quando, come spiega il regista, "comincia la spartizione cruenta tra i vincitori alleati", come purtroppo è accaduto in passato in molte altre città, prima conquistate e poi distrutte e depredate. I sette contro Tebe va in scena dal 6 al 30 maggio e dal 1° al 25 giugno (a giorni alterni esclusi l'8 e il 22 maggio ed il 5 ed il 19 giugno). I biglietti hanno i seguenti prezzi:

  • domenica, martedì, mercoledì, giovedì

        INTERO: 52 euro + 3 pv (settori A - B - C - D); 44 euro + 3 pv (settori E - F - G - H - I - L - M - N - O - P); 32 euro (settore non numerato)

  • venerdì e sabato

        INTERO: 65 euro + 3 pv (settori A - B - C - D); 50 euro + 3 pv (settori E - F - G - H - I - L - M - N - O - P); 32 euro (settore non numerato)

  • giornata a posto unico

        biglietto 26 euro

Le Fenicie di Euripide

Questa tragedia di Euripide è stata rappresentata per la pima volta il 410 o 409 a. C. e racconta la stessa vicenda di quella di Eschilo ma con un punto di vista diverso, mettendo a confronto due visioni del teatro antico. Le Fenicie ritorna al Teatro antico dopo 49 anni con la regia di Valerio Binasco, che dirige Guido Caprino nel ruolo di Eteocle, Gianmaria Martini in quello di Polinice e Isa Danieli nei panni di Giocasta, e che mette in scena un dramma con una forte introspezione psicologica e con tanti punti di vista. La tragedia si può vedere dal 7 al 31 maggio e dal 2 al 24 giugno (a giorni alterni esclusi il 15 e il 29 maggio ed il 12 giugno). I biglietti costano:

  • domenica, martedì, mercoledì, giovedì

        INTERO: 52 euro + 3 pv (settori A - B - C - D); 44 euro + 3 pv (settori E - F - G - H - I - L - M - N - O - P); 32 euro (settore non numerato)

  • venerdì e sabato

        INTERO: 65 euro + 3 pv (settori A - B - C - D); 50 euro + 3 pv (settori E - F - G - H - I - L - M - N - O - P); 32 euro (settore non numerato)

  • giornata a posto unico

        biglietto 26 euro

Le rane di Aristofane

La commedia al Teatro Antico per la terza volta, dopo le rappresentazioni del 1976 e del 2002, come ha dichiarato il commissario straordinario dell'Inda Pier Francesco Pinelli, "è il fulcro del Ciclo di spettacoli. Nel celebre confronto tra Eschilo ed Euripide, Aristofane sottopone a una incisiva disamina critico-letteraria gli esiti morali e ideologici della poetica tragica nelle sue espressioni più divaricate ed estreme. Il confronto tra i due grandi tragici sarà proposto con la rappresentazione di due drammi nei quali i due tragediografi protagonisti delle Rane si confrontano sulla stessa saga mitica del ciclo tebano". Le rane, diretta da Giorgio Barberio Corsetti, ha come protagonisti due neofiti del teatro classico, Salvo Ficarra e Valentino Picone, che con un linguaggio moderno ed originale portano in scena il primo esempio di critica letteraria a teatro, sperimentato da Aristofane nel 405 a. C. e che fa duellare Eschilo ed Euripide. Ficarra veste i panni di Dionisio e Picone quelli del fedele servo Xantia, mentre le musiche dal vivo sono curate dai SeiOttavi. La commedia di Aristofane è rappresentata dal 29 giugno al 9 luglio ed i costi dei biglietti sono:

  • domenica, martedì, mercoledì, giovedì

        INTERO: 52 euro + 3 pv (settori A - B - C - D); 44 euro + 3 pv (settori E - F - G - H - I - L - M - N - O - P); 32 euro (settore non numerato)

  • venerdì e sabato

        INTERO: 65 euro + 3 pv (settori A - B - C - D); 50 euro + 3 pv (settori E - F - G - H - I - L - M - N - O - P); 32 euro (settore non numerato)

  • giornata a posto unico

        biglietto 26 euro

 

In primo piano

Portale dei servizi SIDI

Accedi subito al portale dei servizi SIDI

Istanze on line

Tutto quello che c'è da sapere sulle Istanze Online

Carta del docente

Scopri come utilizzare la tua Carta del docente

Concorso Docenti

Scopri tute le novità del concorso docenti 2016

Newsletter

L'Associazione

logo ifcral piccoloL’Associazione IFcral - Circolo Culturale e del Tempo Libero dei Lavoratori che operano nel campo scolastico e formativo è un centro permanente di vita associativa, che oltre ad essere un'opportunità di aggregazione, ha come scopo la promozione ed attuazione, tra gli associati, di attività finalizzate alla valorizzazione, in ogni sua forma, del tempo libero e della sfera sociale e culturale.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Se non accetti le funzionalità del sito risulteranno limitate. Se vuoi saperne di più sui cookie leggi la nostra Cookie Policy.